Categorie
Design

Adobe Digital Renaissance

Adobe Max è in corso a Las Vegas.
Si parla di Digital Renaissance e sullo sfondo  Leonardo con la sua immancabile Gioconda e Donatello con il suo David.
Tutto è “Beautifully crafted” e “awesome!”.
Queste le due parole ripetute da ogni speaker nel momento di presentare nuove funzioni e future integrazioni.

La convention sul futuro del Graphic Design mostra notevoli migliorie e implementazioni ai software per designers.
La certezza, non v’era bisogno di conferma, è che tutto è connesso e lo sviluppo creativo avviene su multipiattaforme interconnesse e reattive.

Una libreria personale nel cloud che si amplia e consente di salvare ulteriori assets e risorse personali come gli effetti livello.
La creatività accessibile ovunque e per chiunque, accelerata da Adobe Sensei l’intelligenza artificiale di casa Adobe (veramente notevole).
E’ come una sorta di Minority Report applicato ai softwares, che prevede e interpreta; è machine learning e AI tutto in uno.

Interfaccia accessibile e “ragionata” per Illustrator e l’uso di caratteri variabili e color font SVG, il futuro della tipografia.
Integrato il Puppet tool di After Effects in Illustrator così ora ogni personaggio o sketch può esser pilotato e mosso come una marionetta.
Funziona.

Capture, app mobile per definire la propria libreria, riporta la novità più interessante.
Forse perchè più utile: scansiono un testo e ne ottengo il font.

Adobe Stock viene avvantaggiato da Sensei e le ricerche di foto avvengono in modo intelligente.

Photoshop ci garantisce un disegno perfetto grazie allo “smooth” che migliora il tratto in modo puntuale: è notevole.
Pen tool si amplia e praticamente le medesime modalità di disegno Bezier di Illustrator sono ora presenti, curvature molto più comode.
Ridefiniti i pennelli, o meglio , la libreria dei pennelli: organizzabile e personalizzabile. Era ora.

Lightroom si potenzia con Lightroom CC: sviluppo delle foto cross-platform su ogni device tramite formato DNG.

Adobe XD guadagna punti e merita una presentazione maggiore di altri: è il boom dei prototipi e del disegno veloce e facilmente modificabile.
Condiviso online e commentato dal team: design moderno e collaborativo.
In poco tempo ha rivoluzionato il design di interfaccia e tanti saluti a programmi simili!

Project Felix ha terminato la Beta : ora è Dimension.
Un software notevole per poter creare design 3D (risorse su Stock) personali e mockup ambientati realmente su foto personali.
E’ un software semplice e l’interfaccia strizza l’occhio a XD ( ma tutto andrà in quella direzione di UI).
Era necessario.

Incredibile Premiere: punta al responsive!
La grafica animata si adatta automaticamente alle modifiche del tempo.

Ultima nota Adobe Spark.
Lo avevamo già indagato e dimostrava ottime prospettive.
Ora è chiaro: è lo strumento per creare i contenuti dei social.
Ora puoi brandizzare tutto in un secondo attraverso modelli editabili e “rivestibili” con le caratteristiche del tuo brand.
Dicono “Brandify” … è vero!

Hanno parlato di Digital Renaissance e confermato l’importanza del canvas ovunque.
E’ verò è così e forse non ce ne accorgiamo nemmeno, ma la certezza è che il contenuto è il protagonista.
Gli strumenti migliorano e aiutano, le risorse aumentano e sono condivise o recuperabili.
E’ quindi certo che o tutti si confonderanno in prodotti mediocri (perchè molto simili) o troveremo prodotti completi perchè l’idea di partenza era decisamente UMANA e il software ci ha concesso di mantenerla tale..

 

Quì il link alle nuove funzionalità:
https://www.adobe.com/it/creativecloud/features.html?trackingid=HM85XFM5&mv=email

 

Condividi su: